sabato, Maggio 28, 2022
Home GIORNOXGIORNO Un diario nei giorni del Covid-19
Ascanio Celestini al teatro Verdi
Ascanio Celestini

Un diario nei giorni del Covid-19
Ascanio Celestini al teatro Verdi

Ad inaugurare gli spettacoli di prosa della nuova stagione teatrale di San Vincenzo sarà Ascanio Celestini con I Parassiti – Un diario nei giorni del Covid 19. 

 

Venerdì 29 aprile, alle 21.15 l’attore romano sarà per la prima volta al Teatro Verdi. Anche regista e autore teatrale, è considerato uno dei più importanti rappresentanti del nuovo teatro di narrazione, all’Italia ed all’estero. Celestini infatti è il grande narratore del tempo presente, il testimone di una Italia raccontata con grande lucidità, forte empatia, ironia e disincanto. Questa volta cerca di aiutarci a metabolizzare e ‘reumanizzare’ i due anni del Covid 19, rendendo ordinario lo straordinario. Il senso dello spettacolo, come spiega lo stesso autore, “è il desiderio di tornare a dare normalità all’eccezionale, compiendo un percorso inverso a quello dei giornalisti che rendono straordinario l’ordinario.

Pubblicità

Celestini ha scritto questo reading di tre racconti nei giorni del lockdown e con la sua voce dall’accento romano così marcato e tanto caro al suo pubblico, accompagnato dalla fisarmonica del maestro Gian Luca Casadei, trasporta la platea indietro nel tempo a quei giorni che a riascoltarli sembrano lontano anni luce, e lo fa raccontando piccole storia di vita quotidiana scosse o talvolta spezzate dal virus.

 

Davanti al pubblico sfila allora una coppia di anziani che da un giorno all’altro si ritrovano ad essere due unità separate, una portata via dal Covid e l’altra, la superstite, dal dolore di quella perdita. Una figlia a cui viene strappata la madre dal virus, che ritrova una piccola felicità nel raccogliere le margherite cresciute selvagge e indomite dietro al cimitero in quei giorni in cui l’essere umano è relegato in casa e la natura ha preso il sopravvento. Infine un uomo che assaggia un boccone di libertà e solitudine tornando sul lungomare di Lavinio, dove andava da bambino con suo padre e suo fratello.

 

Celestini ancora una volta si riconferma lo splendido cantastorie che è: un uomo che nella sua lucidità non perde mai tenerezza e leggerezza. Con le sue parole ci permette di fare in parte pace, ripensandoci con una dose in più di serenità, con un periodo che per tutti è stato portatore di grande dolore.

 

Per informazioni e prenotazioni telefonare al 389/2530536 oppure rivolgersi al cinema Teatro Verdi in orario di apertura. Per ulteriori informazioni consultare anche il sito www.cinemateatroverdi.altervista.org o inviare una mail a sv.cinemaverdi@gmail.com

Data

29 Apr 2022
Expired!

Ora

21:15