venerdì, Maggio 27, 2022
Home GIORNOXGIORNO Doppelganger al teatro Solvay
Dopo il premio Ubu Francesco torna a danzare a casa
premio ubu

Doppelganger al teatro Solvay
Dopo il premio Ubu Francesco torna a danzare a casa

Ha vinto il Premio Ubu come miglior spettacolo di danza 2020-21. E ora la produzione di Armunia, Compagnia Abbondanza Bertoni e Nerval Teatro, frutto del Laboratorio Permanente che da anni vede ragazzi con disabilità confrontarsi con artisti professionisti, arriva “a casa”, mercoledì 6 aprile al teatro Solvay. Lo spettacolo è Doppelganger e protagonisti ne sono Francesco Mastrocinque e il danzatore professionista Filippo Porro.

Avevamo già parlato di questa incredibile esperienza, ricordate? L’articolo

Il doppio, la dualità come differenza, l’opposto che dà origine al mistero: questo lavoro parla e dà forma soprattutto all’incontro tra i corpi dei due interpreti, Francesco Mastrocinque, attore con disabilità, appartenente all’esperienza del Laboratorio Permanente di Nerval Teatro e Filippo Porro, danzatore.

“Fin dai primi giorni abbiamo cercato di cogliere nello sguardo dei due interpreti, soprattutto un riconoscersi e attraverso questa reciproca ri-conoscenza, restare in ascolto di questa loro fase germinale. È seguito poi, diremmo in maniera naturale e quasi esclusivamente autogestito da loro stessi, uno sviluppo simbiotico dell’azione fino ad arrivare alla solitudine e al groviglio di arti e luce, di suoni e silenzi; il tutto attraverso un processo di relazione quasi esclusivamente somatico. Un ossimoro in danza, un tentativo di svelare, tra sapiente ignoranza e disarmonica bellezza, il doppio viso della sfinge: due corpi diversi che cercano sulla scena l’origine della possibilità di esistere, una dirompente vitalità e un candore disarmante, attraverso l’astrazione della realtà che diventa visione. Due corpi uguali che si riconoscono e non smettono l’abbraccio, il mandala, la cellula che li lega. Due esseri primi, primati, ai loro primi passi; tra evoluzione e involuzione, scelgono l’inesistente “voluzione”: uno stare vicini senza l’andare. Senza il destino forzoso del crescere e del diminuire. Un percorso di gesti, sguardi; piccole, grandi tenerezze; beffardi e spietati tradimenti. Sempre in un precario equilibrio: funamboli, sospesi tra vita e morte, tra ascesi e caduta. Nel mezzo: le loro forme, colte nella fragilità dell’inestinguibile enigma della sospensione.”

Pubblicità

Data

06 Apr 2022
Expired!

Ora

21:00 - 23:00

Luogo

Teatro Solvay
Via Ernesto Solvay, 20, 57016 Rosignano Solvay

Organizzatore

Armunia
Sito web
https://www.facebook.com/armuniateatro